HOT TOPICS

Gossip

Marco Borriello: 'Niente gelosia per Belen. E' già stata mia'

Il calciatore rompe il silenzio sulla ex fidanzata.

E' uno degli sportivi più affascinanti d'Italia, ma diversi mesi fa è salito alla ribalta soprattutto per la chiacchierata fine della sua relazione con la bellissima Belen Rodriguez.

Marco Borriello, intervistato da Vanity Fair, finalmente rompe il silenzio e a cuore aperto parla della sua ex fidanzata, del nuovo compagno di lei, Fabrizio Corona, ma anche di sesso e di calcio.

Innanzitutto, il calciatore del Milan assicura di non essere geloso di Belen. "È tanto che non la vedo, ma se la incontro la saluto. È falso che l'abbia incrociata con Corona, tanto meno che io e lui ci siamo scazzottati. Non ci sarebbe motivo, non ho niente contro, di lui. Non mi sono ingelosito neanche alle foto bollenti delle loro vacanze alle Maldive. Perché dovrei? Quello che lui ha adesso, io l'ho già avuto".

Fino a pochi mesi fa, in tanti pensavano che Borriello avesse una valida ragione per essere geloso, e non a caso anche lui, a distanza di mesi, ammette l'importanza rivestita dalla sua ex fidanzata. "Belen è stato il mio primo amore - confessa il calciatore - Era la donna che sognavo da sempre e l'avevo trovata, mi piaceva sia fisicamente che di testa. Non è andata bene, purtroppo succede. Ma mi ha fatto soffrire di più sapere che tutti, Milan compreso, pensavano che i miei problemi con lei condizionassero le mie prestazioni calcistiche. E non poter dimostrare sul campo, a causa dell'infortunio, che si sbagliavano".

Nato a Napoli nel 1982, da ragazzino Marco si trasferì a Milano per frequentare un collegio, e a quanto pare fino ai 17 anni non ebbe modo di conoscere molte ragazze, anche perché, come lui stesso spiega, non aveva un aspetto propriamente da rubacuori. “Non ci pensavo - ammette Borriello - Del resto loro non mi avrebbero guardato: fino a 18 anni andavo in giro in tuta e portavo gli occhiali spessi come fondi di bottiglia. Non ero neanche troppo sviluppato…”. 

Poi, la musica è cambiata: da calciatore del Milan ha cominciato a indossare vestiti firmati, a godere di una grande notorietà, e infine ha fatto l'incontro con la 'donna della sua vita'. “Quando ho conosciuto Belen era una modellina sconosciuta - racconta Marco a Vanity Fair - stando con me ha avuto più visibilità, anche se poi, avendo un grande talento, ha saputo crearsi da sola una carriera da showgirl… Dopo Belen, solo storielle senza importanza…”. 

Il calciatore, che in questi ultimi tempi preferisce concentrarsi sulla preparazione atletica e sul suo lavoro in campo, ammette comunque di essere "un passionale, ma - precisa - non sono un sesso dipendente: il sesso manca a chi non ce l’ha, io ho la fortuna di sapere che, se voglio, lo posso avere in qualunque momento. E poi mi piacciono le cose tradizionali, niente perversioni, niente trans”.

Naturalmente, le preferenze di Marco vanno alle belle donne, che, ammette lui senza modestia, non gli mancano di certo: "Essendo carino, benestante e conosciuto, trovo normale puntare in alto - chiarisce - Non è colpa mia se in Italia il 95% delle ragazze più belle ambisce al mondo dello spettacolo. Per una storia seria, ovviamente, guardo anche alla testa".

FOTO: © Vanity Fair